Earth Day: La nostra prima casa è il nostro unico pianeta

L’Earth Day, il 22 aprile, è il giorno in cui si celebra l’ambiente e la salvaguardia del nostro Pianeta.

Celebrata ogni anno in 193 Paesi, ricorda a tutto il mondo quanto sia importante preservare la natura, l’ecosistema e il clima.
Nacque negli USA, nel 1970, a seguito di una pacifica protesta di massa per una riforma ambientale che denunciasse una massiccia fuoriuscita di petrolio a largo delle coste californiane. Ma prima di allora, già all’inizio degli anni ’60, il presidente statunitense J.F. Kennedy e poi il senatore Gaylord Nelson iniziarono a battersi per la celebrazione del Pianeta Terra. Il 24 dicembre 1968, invence, l’astronauta dell’Apollo 8 William Anders scattò l’immagine iconica di Earthrise, che fu poi ispirazione per la prima vera Giornata Mondiale della Terra. Nell’ottobre del 1969, durante la Conferenza dell’UNESCO a San Francisco, John McConnell, attivista per la pace e l’ecologia, propose a tutti gli effetti una giornata per celebrare la vita e la bellezza della Terra e per promuovere la pace. L’idea fu accolta con piacere e, dal 22 aprile 1970, successivamente alla protesta pacifista a seguito della fuoriuscita di petrolio a largo della California, le Nazioni Unite celebrano l’Earth Day in tutto il mondo.

Per John McConnell la celebrazione della vita sulla Terra significava anche far capire a tutti gli uomini la necessità vitale di preservare e rinnovare gli equilibri ecologici minacciati, dai quali dipende tutta la vita sul pianeta.

Grandi leader ambientalisti, ecologisti, star di fama mondiale e moltissime altre persone lo utilizzano come occasione per valutare le problematiche del pianeta: lo smog, lo spreco di acqua, la distruzione del suolo e degli ecosistemi, le migliaia di piante e specie animali che scompaiono, gli allevamenti intensivi che causano una vita tutto fuorché dignitosa agli animali, l’esaurimento delle risorse non rinnovabili (carbone, petrolio, gas naturali), la contaminazione del cibo in generale, l’estrema cementificazione e molto, troppo, altro ancora. Si insiste in soluzioni che permettano di eliminare gli effetti negativi delle attività dell’uomo: allora si combatte per il riciclo, per la conservazione delle risorse naturali come il petrolio e i gas fossili, per vietare l’utilizzo di prodotti chimici dannosi, la distruzione di habitat fondamentali all’ecosistema mondiale, si combatte contro lo spreco di risorse, la mancanza di rispetto nei confronti di ciò che la natura ci mette a disposizione.

In piena crisi climatica e sanitaria, l’Earth day acquista ancora più significato.

Mai come oggi è di fondamentale importanza rivedere il nostro rapporto, piuttosto irrispettoso, nei confronti della Terra. E’ un pianeta dalle risorse pressoché finite, con ecosistemi sempre più sotto pressione e con cicli naturali che stanno cambiando in maniera inverosimile, le cui conseguenze, pur conoscendole, sembrano non impaurire più di tanto. Eppure sappiamo bene quanto rischio, questo fragile habitat, sta subendo. E’ scientificamente provato, quanto le attività umane estreme portino con sé avendo effetti deleteri sul “sistema Terra”, e, bene o male, sappiamo anche come risolvere queste crisi, o come cercare di placarla, visto che siamo agli sgoccioli. Se guardiamo in macro, significa ripensare il modello di sviluppo e di sfruttamento delle risorse. Di rifondare una nuova società con delle basi ecologiche rigide e stravolgenti.

Educare il più possibile all’ambiente è uno dei passi principali da fare

La giornata del 2017, ossia la quarantasettesima edizione della manifestazione, è stata completamente dedicata all’insegnamento sulla salvaguardia dell’ambiente, del clima e del Pianeta in generale. L’istruzione è la base per il progresso. E’ estremamente necessario formare una popolazione globale consapevole che i cambiamenti climatici sono una minaccia senza eguali per noi, per ciò che ci circonda e per la Terra più in generale. E se partiamo dall’idea che la Terra è la nostra unica vera casa, forse dovremmo imparare anche ad averne più cura. Un’approfondita educazione ambientale può contribuire in modo notevole la necessità di adottare leggi e politiche in difesa del Pianeta e del clima.
Questi sono sicuramente argomenti che, una volta affrontati e capiti dalle persone in generale, andrebbero presi in considerazione più che altro dai grandi potenti e dai governanti di tutto il Mondo. Alle persone più comuni resta invece di lottare fortemente per la voglia di un Pianeta migliore, adottando, nel piccolo, le misure di prevenzione migliori che possano essere adottate.

Earthrise, fotografia AS8-14-2383HR della NASA, di William Anders

Dobbiamo porre più attenzione alle piccole azioni quotidiane, come spegnere la luce in ogni stanza quando non ce n’è bisogno, chiudere l’acqua quando ci si lava i denti o i piatti, non sprecare il cibo, limitare il consumo di plastica al minimo, non buttare rifiuti a terra, nemmeno i mozziconi di sigarette. Ci sono rifiuti che impiegano millenni a degradarsi.
Insegnano a chi ancora non conosce il rispetto per il Pianeta, evitiamo di prendere l’auto quando non necessaria, magari basterebbe utilizzare meno auto quando ci si sposta in gruppo. Abituiamoci a fare la raccolta differenziata. E in realtà ci sono centinaia di comportamenti estremamente green che potremmo attuare. Basta cercare di vivere coscienti che, qualsiasi cosa si riesca a fare senza danneggiare il Pianeta, è un piccolo passo ecologico di un’importanza gigantesca per sé stessi e per il resto del mondo.

Benché dovremmo essere grati alla Terra tutti i giorni, a tutte le ore, a tutti i secondi, festeggiamo con lei e per lei ogni 22 aprile l’Earth Day, impariamo a capire quanto sia prezioso tutto ciò che ci circonda e che, una volta danneggiato, sarà dura ritornare indietro. Allora non ci resta che evitare di danneggiare ulteriormente la fragilità di tutta questa bellezza.

LA NOSTRO PRIMA VERA CASA E’ IL NOSTRO UNICO PIANETA.

fonti:
https://www.rinnovabili.it/ambiente/giornata-mondiale-della-terra/
https://it.wikipedia.org/wiki/Giornata_della_Terra
https://www.tgcom24.mediaset.it/green/earth-2020-la-giornata-mondiale-della-terra-compie-50-anni_17513379-202002a.shtml
https://www.lifegate.it/persone/news/earth-day-giornata-della-terra-ambiente
https://www.instagram.com/p/B_SIpn3jxzW/
https://www.nasa.gov/image-feature/apollo-8-earthrise

ARTICOLI DAL BLOG:

Autore: Buona ViDa

Sono solo una persona, non so definirmi blogger, forse ancora non posso. So che amo viaggiare, scrivere, surfare e fare trekking. Che amo fare esperienze e fare in modo di rendere speciale la mia vita. Sono solo una persona. Con dei sogni e dei sentimenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.